Pianificazione fiscale e operazioni straordinarie

Lo studio offre le proprie comprovate competenze nell’ambito della pianificazione fiscale societaria, sia a livello nazionale che internazionale, anche attraverso operazioni di carattere straordinario quali fusioni, scissioni, conferimenti e cessioni di aziende e partecipazioni, trasformazioni. Lo Studio affianca i propri clienti che intendono trasferire partecipazioni o aziende fornendo servizi che includono la valutazione della partecipazione o dell’azienda e l’attività di due diligence fiscale e societaria.

Lo studio offre ai propri clienti anche supporto nell’internazionalizzazione delle attività delle imprese valutando ogni aspetto attinente le problematiche di fiscalità internazionale.

Lo Studio accompagna le imprese che intendono sfruttare il regime agevolativo del “Patent Box” relativo ai redditi derivanti dall'utilizzo di opere dell'ingegno, di brevetti industriali, di marchi, di disegni e modelli.

News dello studio

ott23

23/10/2017

Convegno "Welfare aziendale 2017" - Martedì 21 novembre 2017 ore 14.30

"Welfare aziendale 2017 Profili sostanziali e operativi delle pratiche di welfare d'impresa" 21 novembre 2017 ore 14.30 - presso la sala convegni dello Studio Bonadeo & Associati, Via del Commercio

feb2

02/02/2017

Convegno "I nuovi OIC: difficoltà operative e Bilancio 2016" - Venerdì 17 febbraio 2017 ore 14.30

"I nuovi OIC: difficoltà operative e Bilancio 2016 " 17 febbraio 2017 ore 14.30 - presso la sala convegni dello Studio Bonadeo & Associati, Via del Commercio 56 36100 Vicenza

gen9

09/01/2017

Convegno "I nuovi OIC: panoramica sulle novità" - Venerdì 27 gennaio 2017 ore 14.30

“I nuovi OIC: panoramica sulle novità” 27 gennaio 2017 ore 14.30 - presso la sala convegni dello Studio Bonadeo & Associati, Via del Commercio 56 36100 Vicenza

News

lug7

07/07/2018

Criptovalute: implicazioni per gli IFRS adopters

Le criptovalute sono monete digitali che

lug20

20/07/2018

Reddito di inclusione: chiarite le competenze per le istanze di riesame

L’INPS, con il messaggio n. 2937 del 2018,